Facebook Against the Machine

Io non sono un fan di facebook. Non c’ho neanche l’account su facebook e ora ditemi quanti conoscete voi che non hanno un account di facebook! AVANTI!!!! scommetto che a malapena ci riempite una mano…

In facebook ritrovo lati positivi e negativi che grosso modo potrei sintetizzare così:

Lato Positivo: raggruppa un sacco di persone intelligenti.

Lato Negativo: raggruppa un sacco di benemeriti cretini.

Le due cose però purtroppo non sono direttamente proporzionali e quindi abbiamo in vantaggio (nettamente) la seconda categoria… Questo però quanto pare sopratutto in Italia (vedi recenti avvenimenti Berlusconi-Tartaglia).

In Inghilterra invece sembra sappiano proprio il fatto loro e la quantità di imbecilli che usa faccia libro forse è un pochettino minore rispetto alla fetta italiana.  Ora vi faccio capire il perchè.

In Inghilterra c’è una recente tradizione, comunque abbastanza sentita, secondo la quale il primo classificato nella Chart dei singoli più venduti, nella settimana prima di natale, terrà il “concerto gratuito di natale” (che poi non è di natale perchè si svolge a inizio 2010 ma a me piace pensare che sia cosi!).

Bene negli ultimi 5 anni a finire sul palco per aver vinto questa possibilità sono sempre stati i cantanti giocattolo dell’X-Factor Inglese (che poi essendo un fortmat britannico possiamo definirlo il VERO X-Factor).

Ovviamente c’arrivate anche voi di quanto sia triste una cosa del genere senza che mi addentri in particolari dettagli…

Quanto pare però l’han capito anche gli inglesi di quanto questo teatrino sia una cosa veramente vile per la Musica ed allora hanno deciso bene di scegliersi da soli chi andare a vedere a gratis il prossimo anno:

– Hanno aperto un gruppo su facebook;

– Hanno scelto che singolo comprare;

– Hanno comprato il singolo.

Ed ecco fatto: Killing in the Name dei Rage Against the Machine è finito al primo posto.

Ovviamente c’è gente che ha rosicato duro. Ovviamente c’è gente che voleva andare a vedersi tizio di X-Factor che altro non ha fatto se non cantare una cover di un pezzo che neanche so come si chiami e principalmente non me ne frega un cazzo! (quest’ultima frase è da legger tutta d’un fiato)

Ma quanto pare c’è stata ancor più gente che ha pensato di mandare affanculo una porcheria come X-Factor e tutti quelli che annualmente sforna a romperci lì cojoni!

I numeri non sono neanche poca cosa: i RATM hanno superato le 500.000 vendite (quasi tutti digital Download, vammi a trovare te Killing in the Name al negoziello dato che è uscito ormai da 19 anni).

Quindi vuol anche dire che X-Factor aveva rotto a neanche troppa poca gente…

Per ultima cosa, ma non meno importante, gli stessi Rage Against the Machine devolveranno le royalties ovviamente ricevute in beneficenza. Quindi sti Inglesotti han unito l’utile al dilettevole.

Voi ovviamente direte/penserete: bene, facciamolo anche in Italia!

E io rispondo: Seeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee! Ahahaahahahahahhaahahhah! Pensate prima di dir stronzate perfavore!!

PS: se siete curiosi il gruppo è questo http://www.facebook.com/group.php?gid=2228594104

Ah quasi dimenticavo… Questo natale col cazzo che ci si sente Jingle Bells! QUEST’ANNO BABBO NATALE ARRIVA CANTANDO KILLING IN THE NAME! ***RISATA DIABOLICA A PIACERE***

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...