Non tutti i lavoratori sono uguali.

Non mi piace dilungarmi però quando ci vuole ci vuole.

Marina di Ravenna era l’aspettativa per tutti i giovani ravennati, che, non dovendo più macinare km per andare a divertirsi si ritrovavano feste in spiaggia belle per ogni gusto.
Concerti, happy hours, musica di tutti i tipi (afro, rock, metal, elettronica, ecc ecc) e la possibilità di risparmiare qualcosina grazie alla classica formula prendi 2 paghi 1.
Così per una decina di anni. Tantissimo business e soprattutto un’enorme attrattiva turistica, con ragazzi che venivano da tutt’Italia.
Ovviamente qualche casino di qualcuno che ha esagerato c’è stato. Ma i controlli non ci sono mai stati.
Il sindaco Mercatali prima e inizialmente Matteucci se ne sono altamente fregati delle richieste di tutti (parcheggi, trasporti, sicurezza tramite illuminazione e qualche controllo, ecc).

Matteucci ha poi capito che c’era da regolarizzare un po’.
Un po’, non tranciare via tutto. Limitazioni di ogni tipo, multe a random, parcheggi a pagamento e autorizzazioni a demolire due discoteche (il Matilda e poi l’Ex circolo dei forestieri) per creare ulteriori abitazioni e addirittura un’hotel di gran lusso (a Marina? hahaha!).
Ovviamente gli stabilimenti balnerari si sono adattati.
Sono comparsi cartelli come “Vietato ballare” perchè c’è la musica da sottofondo (audizione) oppure c’è la musica da ballare (serata danzante) e quindi un minimo gruppo di persone che ballano possono far cuccare al bagno un bel multone in questo minimo nonchè stupido confine imposto dal sindaco.

Non c’è niente da fare, meno persone vanno alle feste, meno personale serve.
Tagli enormi al personale che fra l’altro è uno dei lavori più comodi per gli studenti universitari.
Farsi la stagione al mare significa prendere un buono stipendio e campare quasi tutto l’inverno.
Questo non è più possibile.

Eppure oggi leggendo RavennaNotizie mi stupisco di questo articolo LINK.

Riassumendo, il sindaco non vuole che un’azienda, sottolineo che è SOLAMENTE UN’AZIENDA, metta in mobilità i suoi dipendenti.

Ok, il dispiacere per le persone che si trovano in una situazione del genere è alto ma allo stesso tempo, dov’è la parità di trattamento fra le persone lasciate a casa dai stabilimenti balneari, dalle altre aziende e da quelli di questa citata nell’articolo?

Non è un periodo tranquillo ma un’uscita del genere con un titolo quale:

“La città chiede il ritiro dei provvedimenti contro i lavoratori della Pansac”

mi sembra come:

“Ci sono lavoratori che meritano più di altri lavoratori”.

Io stesso sono stato in mobilità, fortunatamente per meno di un mese e non mi sono visto sindaco, un senatore (ex sindaco di Ravenna) e mezzo consiglio comunale/regionale, protestare così fortemente perchè l’azienda dove lavoravo mi aveva lasciato a casa causa crisi.

E scommetto che tante persone, sicuramente più dell’ottantina della Pansac possano dire lo stesso.

Matteucci, coerenza e magari faccia qualche ordinanza per “imporre il divertimento”.

PS:  Chiuderanno il Play park a Punta Marina, c’era troppo sballo? Troppi anziani che ballano il liscio che in realtà sono furbetti dello sballo? Ah ok!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...